Actions

Work Header

Scowls and Sarcasm (Italian Translation)

Chapter Text

          È una verità universalmente riconosciuta, se sei un alfa single e in possesso di una grande fortuna, devi essere alla ricerca di un compagno.

Che Derek Hale avesse o meno questo desiderio, non importava in alcun modo al vicinato - la notizia sola del suo arrivo, sembrava dar diritto alle famiglie circostanti di riconoscerlo come legittima proprietà di questo o quel loro figlio o figlia. Questo era, prima che incontrassero l'uomo.

Nessuno era più emozionato di sentire questa notizia di Stiles, sebbene i suoi pensieri non sfiorassero minimamente l'idea di un matrimonio. Arrivò con gran fracasso nella sala da pranzo della loro casa a Beacon, accompagnato dai suoi lunghi arti e un urlo d'entusiasmo - abbastanza alto da far sobbalzare la nuova cameriera, anche se la sua famiglia lo notò a malapena, abituata ai suoi comportamenti.

"Scott! Scotty! Hai sentito?" Stiles si sedette sulla sua sedia con troppa forza, tanto da farla sbandare su due sole gambe, prima di farlo cadere rumorosamente sul pavimento. Riuscì a spalmare della marmellata su un triangolo di toast per poi infilarselo in bocca, senza fermarsi nel dare la notizia. "Qualcuno ha finalmente comprato quella vecchia grande casa nella Riserva, a Netherfield Park." borbottò con la bocca piena di pane e marmellata. "E nel villaggio dicono che almeno uno di loro sia un lupo mannaro - e un alfa, non di meno!"

Questo fu abbastanza per far abbassare il giornale a John e far alzare gli occhi di Melissa dalla monografia medica che stava esaminando.

"Un alfa - così lontano dalla città?" ripeté dubbiosa Melissa. I lupi erano notoriamente sedentari, e quelli facenti parte dei branchi più orgogliosi e ricchi erano quasi esclusivamente stanziati nelle metropoli. "Beh, devi dare loro il benvenuto nel quartiere, John."

"Devo?" lo sceriffo alzò un sopracciglio.

"Certo che devi!" Stiles e Melissa pronunciarono quelle parole contemporaneamente, la voce entusiasta di Stiles annegò nei toni più moderati della donna.

"Perché" continuò Melissa, con uno sguardo d'acciaio rivolto ad entrambi gli Stilinski "Se tu non arrangi un'introduzione ufficiale, sai che sarà questione di tempo prima che Stiles sia catturato mente si aggira intorno a Netherfield per soddisfare la sua curiosità, e tu non vuoi trovarti nella posizione imbarazzante di dover arrestare tuo figlio. Di nuovo." Melissa ritornò alla sua monografia con aria soddisfatta, ignorando il farfugliare indignato di Stiles.

"Io non avrei - Io non stavo per -"

"Stiles, tu l'avresti assolutamente fatto." Lo interruppe Scott con un sorriso così solare che Stiles non riuscì nemmeno ad arrabbiarsi con lui. "Quindi puoi già smetterla da ora visto che papà ha già intenzione di andarci."

Stiles rivolse la sua attenzione al padre, che sorrise affettuosamente a Scott per averlo chiamato 'papà', qualcosa per cui aveva iniziato a sentirsi a suo agio solo nell'ultimo anno. "Veramente? Hai intenzione di andarci?"

"Siete tutti rimasti indietro con i tempi." disse lo sceriffo in tono burbero. "Ho già inviato una cartolina ieri, dicendo loro che avrei chiamato oggi. È educato in questo modo."

Stiles squittì per l'eccitazione e si sporse in avanti, mancando a malapena il barattolo di marmellata con il gomito.

"Sai chi è il lupo? Pensi che vorrà Scotty nel suo branco? Forse lui sa di più riguardo a quell'alfa impazzito -"

"Io ho già un branco!" lo interruppe Scott con fermezza. "Non ho bisogno di appartenere ad un branco di licantropi snob quando ho già il mio."

"Stiles, sai bene che le autorità dei licantropi ci hanno già detto tutto ciò che sanno sul morso di Scott." aggiunse lo sceriffo.

"Autorità dei licantropi." ripeté Stiles cupamente, attorcigliando introno al dito un filo sfuggito dalla tovaglia ricamata. "Come se 'ci siamo occupati della situazione' ci dice qualcosa. Dov'erano loro quando Scott si è trasformato per la prima volta e io sono stato quello che ha dovuto setacciare la biblioteca per capire cosa fosse successo? Dov'erano loro durante la prima luna piena di Scott quando ha praticamente cercato di strapparmi la gola con i suoi -?"

Dopo aver ricevuto un calcio da sotto il tavolo da Scott, Stiles alzò gli occhi a malavoglia e incontrò lo sguardo dello sceriffo. Interruppe bruscamente le sue parole, mettendosi un'altra fetta di pane tostato in bocca mentre sentiva le guance arrossarsi.

"Forse se voi due aveste informato vostro padre e sceriffo, per non parlare della madre di Scott, su quello che era successo, le autorità dei licantropi sarebbero state un po' più tempestive nel loro intervento." Non era la prima volta che avveniva questa discussione, e Stiles aveva dovuto aspettarselo per aver lasciato la sua bocca parlare.

"Sai che è stata principalmente colpa mia." intervenne Scott, interpretando il ruolo di pacificatore come sempre. "Ero preoccupato che mi avrebbero portato via se lo avessero saputo, mandandomi a vivere con un branco di strani lupi nella Città. E loro avrebbero potuto farlo se Stiles non mi avesse aiutato a superare la prima luna piena e non mi avesse dato il tempo di formare dei legami con tutti voi come parte del mio branco."

"Noi non avremmo mai permesso che ciò accadesse." lo rassicurò Melissa, arruffando affettuosamente i capelli di Scott. "E non ha senso riparlare di tutto questo adesso. Lupo o no, dubito che qualcuno dei nostri vicini stia cercando delle nuove aggiunte alla propria famiglia o branco, e noi stiamo bene così come siamo."

Stiles sorrise alla tregua, il suo imbarazzo già dimenticato. "Papà, se ne hai la possibilità, forse potresti chiedere loro qualcosa che mi stavo domandando, riguardo agli effetti dello strozzalupo in polvere rispetto all'estratto di strozzalupo liquido per rallentare la guarigione..."

 


 

          Scott era il miglior fratellastro che una persona potesse chiedere, ma per quanto riguardava il gossip, era il peggiore in assoluto.

"Non ha senso speculare." disse placidamente Scott, come se non conoscesse minimamente Stiles. "Dovremmo solo aspettare di incontrarli noi stessi, per scoprire come sono."

E così Stiles andò a cercare la sua migliore amica nel villaggio, Lydia Martin, che riusciva sempre a sapere tutto su tutti e apparire allo stesso tempo completamente indifferente con tutto quello che aveva a che fare. Era un talento considerevole.

Ci sono voluti un sacco di lusinghe e complimenti al suo genio, prima che Stiles la convinse a distogliere l'attenzione dalla sua matematica, ma quando alla fine ce la fece, fu opportunamente ricompensato.

"Ci sono tre persone del gruppo che conosco io." rivelò finalmente, "Netherfield è stata comprata da Allison Argent, che è apparentemente un'umana, ma sta viaggiando con almeno due dei suoi amici d'infanzia e sono entrambi lupi. Derek Hale è un alfa, e la sua proprietà a Pemberly confina con quella degli Argent. E Jackson Whittermore è un beta del branco Hale, la cui villa famigliare confina con Rosings, proprietà dello zio di Hale e suo ex guardiano legale, Sir Peter Hale."

Stiles strabuzzò gli occhi verso Lydia. "Hai una mappa delle loro rispettive proprietà nascosta da qualche parte sotto la gonna, o...?"

Lo sguardo impassibile di Lydia era al tempo stesso famigliare e probabilmente meritato. "Volevi informazioni o no?"

Stiles annuì, come castigato. "Continua, mia regina."

Lydia si tirò indietro i capelli, soddisfatta. "Tutti e tre sono profumatamente ricchi e non sposati, e ogni uomo e donna disponibile nel quartiere è determinato a portarsene uno a casa, non importa chi."

"La compagnia presente è esclusa, ovviamente." precisò, allarmato, Stiles.

"Beh, non so tu, Stiles," lo corresse Lydia. "Forse hai passato ogni notte da quando hai saputo la notizia sognando un virile lupo mannaro alfa che ti faccia perdere la testa..."

Stiles la spintonò un po', ignorando il brivido caldo che gli risaliva lungo la schiena alle sue parole. "Mi piace avere la testa attaccata al collo, grazie Lyds." la corresse Stiles. "E se sono emozionato da qualcosa, è il pensiero di quali informazioni potrebbero essere in grado di darci per aiutare Scott. Sai che ha ancora dei problemi con delle lune, e i pochi libri sulla licantropia su cui sono riuscito a mettere le mani sono probabilmente nulla in confronto al tipo di roba che un antico branco di licantropi potrebbe avere."

Stiles aveva scelto la tattica giusta, gli occhi verdi di Lydia scintillarono al pensiero di nuove informazioni. Stiles era sempre grato di averla resa partecipe del segreto di Scott dopo la quasi-disastrosa prima luna piena di Scott. Tra le abilità di ricerca di Stiles e il talento per la chimica di Lydia, avevano elaborato un sedativo allo strozzalupo. Ci sono valuti vari tentativi e degli errori, ma loro tre riuscirono a far superare a Scott la luna piena senza conseguenze durature, a parte le quattro cicatrici argentee che hanno rovinato il petto di Stiles e che nessun altro conosceva.

"Pensi che abbiano qualche libro sulla matematica?" gli domandò Lydia, e Stiles sorrise interiormente, sapendo che si era assicurato il suo sostegno.